L'Azione regionale di Sistema L'Azione regionale di Sistema

Un'esperienza di innovazione didattica finalizzata al successo formativo degli alunni delle scuole toscane di ogni ordine e grado

La Regione Toscana, in collaborazione con il mondo dell'Università e della Ricerca e con le più attive Associazioni Professionali degli Insegnanti,  ha proposto alle scuole Autonome (DPR 275/1999- Regolamento dell'Autonomia Scolastica), d'intesa con l'Ufficio Scolastico Regionale per la Toscana, la costituzione, nelle scuole di ogni ordine e grado, di "gruppi permanenti di ricerca/innovazione", denominati Laboratori del Sapere Scientifico, per costruire, monitorare e valutare "percorsi didattici innovativi", facendo anche leva su quanto indicato nel Regolamento dell'Autonomia, che attribuisce ai Dirigenti Scolastici precise responsabilità di conduzione culturale/didattica/professionale del team docente per il "successo formativo" degli alunni.

I Laboratori del Sapere Scientifico - costituiti in oltre cento scuole della toscana, selezionate attraverso specifici Avvisi pubblici emanati a partire dal 2010 – vengono sostenuti, anche finanziariamente, per tre anni, ed usufruiscono così di sostegno costituito da attività di accompagnamento, monitoraggio, supporto alla sperimentazione e documentazione, di cui si fa operativamente carico il Comitato Scientifico  attraverso  le competenze disciplinari e di ricerca (docenti delle tre Università toscane) e didattico-professionali (docenti delle associazioni professionali degli insegnanti) di cui dispone, oltre che attraverso il contributo di rappresentanti dei progetti nazionali di iniziativa ministeriale che affrontavano il problema del rinnovamento nell'insegnamento della Matematica Mat@bel e delle Scienze Sperimentali IIS.

A conclusione della fase di impianto, dopo i primi  tre anni di operatività dei Laboratori del Sapere Scientifico, si pone per l'Azione di Sistema della Regione Toscana l'obiettivo di documentare e rendere accessibili,  in modo strutturato, i dati che evidenziano gli effetti dei Laboratori del Sapere Scientifico sul sistema scolastico regionale e i  materiali prodotti dai gruppi  di ricerca didattica  attivati nelle scuole sotto l'impulso del " vettore " LSS.

La piattaforma LSS-WEB, che raccoglie la documentazione dei prodotti didattici realizzati all'interno dei LSS rappresenta così uno dei due principali strumenti per la sostenibilità dell'azione regionale.

Ulteriore strumento di grande importanza per la sostenibilità dell'azione regionale, è stato individuato nella promozione della Rete regionale di scuole LSS, gestita dalla scuola capofila l'IIS Balducci di Pontassieve.

La Rete ha come obiettivi il consolidamento e la diffusione delle pratiche innovative sperimentate dalle scuole che hanno costituito i Laboratori e che sono giunte al termine del triennio "assistito" dalla RT e la disseminazione del modello LSS in tutte le Province toscane.

Le attività principali che la rete si propone di sviluppare sono quindi:

  • Seminari provinciali o zonali per la disseminazione di LSS
  • Convegni regionali
  • Attività di formazione nelle singole scuole
  • Documentazione di nuovi prodotti LSS

 

L'Accordo di Rete LSS, sottoscritto in data 25 marzo 2014 da 22 istituzioni scolastiche e deliberato dal Consiglio di Istituto della scuola capofila in data 4 febbraio 2014 con delibera n. 9, potrà essere integrato da altre scuole che concluderanno il triennio dei Laboratori e potrà fornire supporto a ulteriori istituzioni scolastiche che, pur non avendo partecipato agli Avvisi pubblici, potranno così sperimentare il modello LSS.